ABBANDONO

Un altro filone ma non molto lontano dal RITRATTO IN ESTERNI

Siamo a pochi chilometri da Torino, una delle città italiane simbolo di “attività”. Non senza un valore storico e diverse potenzialità per continuare la sua vita, una villa si trova in stato di desolante ed inesorabile abbandono. Già, l’abbandono, inteso come indifferenza, come considerare tutto perduto, come contrario della frenesia, come angoscia. Ed è qui che qualcuno, magari non avendola o non sentendosela, sciorina libertà sotto forma di rabbia, ribellione, e superamento delle convenzionalità. È qui che si vuole mostrare il peggio di sé stessi e nello stesso momento nasconderlo.

Come affrontare una “visita” di questo tipo con finalità fotografiche? Con lo stesso approccio della natura, che inesorabile e, soprattutto silenziosa, si riappropria di ciò che è suo. Ed è così che ho affrontato quell’ora mattutina di fresca primavera, godendomi il silenzio che inizialmente fa paura ma che poi ti fa immergere e concentrare meglio nella cattura di scorci, a loro modo, decisamente suggestivi. Mi viene spontaneo un paragone con l’immersione sui relitti; anche qui si può trattare di un “relitto” che torna a vivere a modo suo e con velocità che sono paradossalmente molto più lente di quel ritorno alla vita che avviene sotto il mare! Nel suo genere un set fotografico molto affascinante che permette ampiezza di fantasia espressiva sia tecnica sia artistica. Un altro filone ma non molto lontano dal RITRATTO IN ESTERNI.

Qui di seguito alcuni esempi, per la galleria completa vi rimando alla pagina dedicata, cliccando qui.

Questo articolo è stato pubblicato in Nuove gallerie.

2 Commenti

  1. Maria Grazia aprile 30, 2017 at 8:15 am #

    L’uomo deturpa ciò che ha desiderato e pianificato per lunghi anni.L’Art-Director coglie l’Angelo e il Demone che c’è dentro ognuno di noi!

    • fabio-foto aprile 30, 2017 at 8:47 pm #

      Grazie Maria Grazia. Sempre troppo buona. E magari fossi Art-Director … 🙂

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo non sarà mai pubblicato né condiviso. I campi obbligatori sono marcato con un *

*
*