NE ABBIAMO DI TEMPO PER DORMIRE …!

Come già previsto alla prima “puntata” rieccoci qua a soddisfare “l’acquolina in bocca”. Sveglia alle 0100, partenza alle 0200, un po’ più di un’ora di automobile, un po’ meno di due di marcia in salita con passaggi innevati, ghiacciati e l’attraversamento di quello che in quel punto è un piccolo ruscello ma che da lì costituisce la sorgente di “un certo” fiume Po. Si giunge, sempre in ottima compagnia, sul posto con più che ragionevole anticipo sull’alba e … di seguito una breve sintesi di ciò che si trova come premio per ciò che inizialmente può sembrare un sacrificio ma che, con un “bottino” d’immagine del genere, si trasforma molto presto in grande piacere e soddisfazione.

Fabio Foto è anche questo.

Lo scenario è quello del Monviso che si affaccia (e si specchia) nel Lago Fiorenza all’inizio del suo “sghiacciamento”.

Una breve descrizione di ogni immagine nelle didascalie.

A presto da Fabio Foto

Le immagini possono, come sempre, essere acquisite. Come? Guarda qui.

Per ogni approfondimento ed informazioni trovi ogni recapito qui.

Non si può ancora chiamare crepuscolo poiché siamo ancora in anticipo. Il bagliore che si nota alla base del cielo è dovuto alla luna piena che da pochi minuti è calata. Si apprezzano solo poche tra le più luminose stelle proprio a causa della luce diffusa nel cielo dalla luna. Ciò, tuttavia, consente di avere abbastanza luce per vedere il Monviso specchiarsi nell’unica zona già completamente liquida del lago Fiorenza.
La luce del crepuscolo prende il sopravvento sulla visibilità delle stelle e qualche metro più a monte il ghiaccio lascia un’altra breccia; un piccolo masso facilita una doppia direzione di crepa nel ghiaccio. Qualche decina di minuti più tardi (così come nell’immagine di copertina) la scena avrà tutt’altro tipo di illuminazione e quest’ultima, in queste circostanze, varia nel giro anche di pochi secondi!
Il sole è sorto da pochi secondi ed illumina con la sua luce calda la vetta del Re, facendolo specchiare. I colori più belli da cogliere nei pochi secondi disponibili.
La scena precedentemente descritta al crepuscolo un paio di minuti dopo lo scatto della foto precedente. Si nota già un evidente “raffreddamento” dei colori.
Una breve sosta in discesa, già verso Pian della Regina. Che differenza i colori dell’ormai pieno giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Sito protetta! Per gli acquisti prego accedere alla pagina contatto.